Alcune testimonianze dei nostri ospiti

 

                          Appena possiamo ci prendiamo una vacanza a Casa Aurora. Uno dei migliori b&b dove abbiamo alloggiato. Nuovo, accogliente, dotato di ogni comfort e con un arredamento fantastico. I titolari sono favolosi, gentilissimi, ospitali e di una cordialità unica. La località è poi un posto pieno di pace e di paesaggi stupendi. Nei dintorni abbiamo sempre la possibilità di visitare luoghi d’incanto, tra arte, cultura e natura. C’è l’imbarazzo della scelta. Casa Aurora è diventato il nostro rifugio. Grazie.

(Valentina e Eugenio da Taranto, giugno 2017)

 

 

 Passeggiando tra i vicoli…

La voce è di quelle che creano inquietudine perché attraversa un inatteso ventaglio di modulazioni passando dal lieve allo stridulo, dal soffuso all’impetuoso e ti lascia perplesso… ma non solo. Infatti il racconto ha un suo fascino arcano perché parla di luoghi, di memoria, di tempo passato e presente. Tutto o quasi nella sua totalità, racconta apparentemente e con voce fredda e neutra, è rimasto uguale: i vicoli stretti che si rincorrono nascondendosi in improvvise intercapedini, le anse impreviste che ti chiudono e aprono contemporaneamente un paesaggio o un scorcio di paesaggio nuovo con una luce che gioca spesso sul chiaroscuro.

Questo luogo, e qui la voce ha qualche vibrazione, era il mio territorio, lo spazio dove mi sentivo padrone perché lo attraversavo ora con grazia leggera ora con impeto fragoroso e di esso ero il banditore… dappertutto con me arrivavano le voci squillanti dei bimbi che si rincorrevano giocando, delle musiche di ronzanti apparecchi radio, delle canzoni  d’amore e di lavoro di affaccendate donne di casa… per non parlare poi degli intensi profumi di conserve e di pani appena sfornati, di fichi al sole esposti  ad un’essiccazione dorata, di tini ribollenti con mosti sempre più stordenti…

Ora, aggiunge con voce stridula, quasi strozzata e agonizzante, riporto il rimbombo di pochi passi lenti e affaticati, di suoni che si rincorrono soprattutto per farsi compagnia prima di una notte troppo lunga e silente, di campane che non segnano più il tempo né chiamano all’incontro per esiguità di anime…

E’ vero posso dirmi padrone assoluto del territorio, soprattutto nelle fredde serate invernali quando posso spaziare a voce alta, a pieni polmoni, ma ci si può accontentare di essere padroni del vuoto?

–         Mi scusi, può dirmi il suo nome?

–         Vento… il mio nome è vento.

          (Lucio Donnarumma)

Contatti

Corso S. Nicola
84030 Atena Lucana (SA)

338-9045829
320-3352398

Seguici su Facebook!

facebook

Siamo anche su Motang App, l’app del Vallo di Diano: scoprila!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookies per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookies o cliccando su "Accetto" permetti il loro utilizzo.

Chiudi